REGIONE VENETO

Area Amministrativa e Programmazione Socio Sanitaria

Tu sei qui : Homepage > Handicap > Disabili Adulti

Riferimenti

Corso Porta Palio, 30
37122 Verona
Telefono
045 928 7111
Fax
045 928 7022
Coordinatore SSPDA:
Dott.ssa Gabriella Tosi
Tel. 045 928 7070
Email
gabriellatosi@ulss20.verona.it

 

 

Servizio Sociale Professionale Disabili Adulti Residenzialità e CEOD ( Centri Diurni per Disabili)

Sedi di Servizio

Sede Centrale del Servizio

Presso i Servizi Sociali Azienda ULSS 20 Corso Porta Palio 30 - 37122 Verona

Tel. centralino 045 928 7111
Fax 045 928 7022
Orario di sede:
dal Lunedì al Mercoledì dalle ore 8.00 alle ore 17.30, il Giovedì e il Venerdì dalle ore 8.00 alle ore 14.00.

Al Servizio afferiscono Assistenti Sociali che svolgono la propria attività, nei territori dei due Distretti Socio-Sanitari, per problematiche sociali di persone con disabilità psico-intellettiva, psico-fisica-motoria.

In situazioni di necessità per eventuali informazioni ove non sia reperibile con urgenza l’Assistente Sociale di riferimento in quanto fuori sede, si prega di inviare mail agli indirizzi sotto specificati per essere ricontattati.

I telefoni e gli indirizzi degli Assistenti Sociali sono specificati nei prospetti di seguito riportati.

Distretto Socio Sanitario 1

 Disabilità intellettiva Servizi Sociali S.ne Porta Palio 30 Verona
diretto: 045 928 7071
centralino: 045 928 7111
fax: 045 928 7022
Email: sspda1int@ulss20.verona.it
martedì, giovedì, venerdì 8.00 - 14.00
lunedì, mercoledì 8.00 - 17.30
 Disabilità motoria Via Poloni Verona
diretto: 045 807 5673
fax: 045 807 5685
Email: sspda1mot@ulss20.verona.it
lunedì, martedì, mercoledì 7.45 -16.15
giovedì, venerdì 7.45 - 15.15

Distretto Socio Sanitario 1 ( ex D3 sede di via del Capitel)

 
Disabilità intellettiva Via Del Capitel Verona
tel: 045 878 7700
fax: 045 878 7753
Email: sspda3int@ulss20.verona.it
martedì e giovedì 8.00-17.30
lunedì, mercoledì e venerdì 8.00-14.00
 Disabilità motoria Via Del Capitel Verona
tel: 045 878 7877
fax: 045 878 7753
Email: sspda3mot@ulss20.verona.it
lunedì e mercoledì 8 - 17.30
martedì, giovedì e venerdì 8.00 - 14.00

Distretto Socio Sanitario 2

 Disabilità intellettiva
(no Comuni Buttapietra e Castel d'Azzano)

Via Bengasi Verona
tel: 045 493 2139
fax: 045 506 005
Email: sspda2int@ulss20.verona.it
lunedì 11.00 - 15.00, martedì 8.30 - 16.00, mercoledì 13.00 - 17.00,
giovedì e venerdì 8.30 - 13.30.

Via Belluno San Giovanni Lupatoto

Previo appuntamento fissato con l’Assistente Sociale. Telefonare all’AS in via Bengasi  ai numeri di telefono e orari indicati.

Disabilità motoria + disabilità intellettiva
dei Comuni di Buttapietra e Castel d'Azzano

Via Bengasi Verona
tel: 045 493 2139
fax: 045 506 005
Email: sspda2mot@ulss20.verona.it
lunedì/mercoledì 8 - 13, martedì 11 - 17, giovedì/venerdì 9 - 13.30

Via Belluno San Giovanni Lupatoto

Previo appuntamento fissato con l’Assistente Sociale. Telefonare all’AS in via Bengasi  ai numeri di telefono e orari indicati.

 

Distretto Socio Sanitario 2 (ex D4 sedi di Tregnago e S. Bonifacio)

 

 Disabilità intellettiva Centro sanitario Polifunzionale (ex ospedale)
Via Massalongo - Tregnago

tel: 045 613 8296
fax: 045 613 8215
Email: sspda4int@ulss20.verona.it
dal lunedì al venerdì 8.00 - 13.00
 Disabilità motoria ( no Comuni di Illasi e Colognola ai Colli)

Via Circonvallazione c/o Osp. di San Bonifacio
tel: 045 613 8789
fax: 045 613 8710
Email: sspda4mot@ulss20.verona.it
lunedì, martedì, giovedì e venerdì 08.30 - 13.30
mercoledì 12.30 - 16.30

 Disabilità motoria per i  Comuni di Illasi e
colognola ai Colli
Presso Via Del Capitel Verona
tel: 045 878 7877
fax: 045 878 7753
Email: sspda3mot@ulss20.verona.it
lunedì e mercoledì 8 - 17.30
martedì, giovedì e venerdì 8.00 - 14.00
A chi è rivolto
A persone con disabilità, adulte, dai 18 ai 65 anni,in possesso di certificazione di invalidità civile ( rinnovato al compimento del diciottesimo anno di età) e di certificazione dello stato di handicap ai sensi della L. 104/92.
 In specifico l’area di intervento del Servizio Sociale Professionale, con riferimento al verbale di invalidità civile, riguarda le persone ( disabilità delegata)con :
  • disabilità intellettive: ritardo mentale legato a cause genetiche, lesioni cerebrali dovute a malattie,  intossicazioni di varia natura o traumi,
  • disabilità neuro motorie: distrofia muscolare e altre forme di malattie neuromuscolari legate a cause genetiche, morbo di Parkinson, sclerosi multipla e altre forme di disabilità neurologiche progressive, paraplegie e tetraplegie, esiti di trauma cranico o di grave cerebrovasculolesione,
  • disabilità insorte in età neonatale e perinatale con cerebromotolesioni.
Finalità
Garantire una migliore qualità di vita alla persona con disabilità e alla sua famiglia attraverso interventi di sostegno, di tutela e di integrazione sociale, potenziando le capacità di relazione interpersonale e valorizzando competenze e abilità sociali.
Cosa Fa
Rispetto alla persona con disabilità  e alla sua famiglia analizza la richiesta di intervento e attiva la presa in carico sociale attraverso una relazione di aiuto che consente: un’analisi del bisogno socio assistenziale e programma interventi individualizzati socio assistenziali definiti in sede di Unità di Valutazione Multidimensionale, con le opportune verifiche.

Il progetto può prevedere dei percorsi con forme di integrazione sociale, interventi di accoglienza residenziale (presso RSA, comunità alloggio, gruppi appartamento per persone con disabilità), interventi di semiresidenzialità presso centri diurni per persone con disabilità ( CEOD), di socializzazione, di consulenza, sostegno psico-sociale alla genitorialità, rapporti con gli organi giudiziari per le opportune forme di tutela della persona per i casi in carico.

 L’Assistente Sociale segue successivamente la realizzazione del processo di intervento, apportando modifiche, se necessario, e "accompagnando" la famiglia nel percorso.

Tutto il percorso avviene in accordo con la persona con disabilità e/o la sua famiglia e/o il rappresentante legale.

L’Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale costituisce, per le persone disabili in stato di bisogno socio sanitario, la modalità di accesso al sistema integrato dei servizi socio sanitari, (centri diurni, strutture residenziali per persone con disabilità).

Il Servizio si occupa anche di:
•    Segretariato Sociale ossia valuta le richieste di intervento al fine di presa in carico della situazione o di invio per competenze professionali e per i bisogni emersi ai servizi competenti.
Modalità di accesso
L’accesso agli Assistenti Sociali avviene mediante appuntamento direttamente con l’Assistente Sociale di riferimento . E’ condizione indispensabile per l’accesso  l’adesione da parte della persona interessata e/o del legale rappresentante.
Nel momento in cui si definisce la presa in carico sociale, la persona interessata e/o il suo  legale rappresentante è tenuta a firmare l’informativa sull’uso dei dati personali e sui diritti del dichiarante.
Il Servizio è in funzione tutto l’anno.


ricerche simili: educativo, occupazionale, servizi sociali, inserimento lavorativo, legge 104/92, neuromotorie, distrofia muscolare, neuromuscolari, paraplegie, tetraplegie, trauma cranico